Comunicato su vendita Ansaldo STS

Comunicato su vendita Ansaldo STS

Genova, 22 aprile 2015 – Raffaella Della Bianca (Gruppo Misto):

 

 

«Ansaldo STS ha un valore altissimo sotto il profilo tecnologico, professionale ed economico. Le istituzioni locali, che finora si sono disinteressate totalmente della vicenda, dovrebbero iniziare un ragionamento con i giapponesi di Hitachi per mantenere in seno al nostro territorio tale importantissima realtà industriale».

La consigliera Raffaella Della Bianca interviene in merito alla vendita di Ansaldo STS ad Hitachi.

«I giapponesi possiedono il 40% di Ansaldo STS – spiega Della Bianca -. Entro la fine dell’anno in corso Hitachi dovrà decidere se rilevare il restante 60% di azioni in mano a fondi di investimento e quindi diventarne proprietaria al 100%».

La consigliera sottolinea come Ansaldo STS abbia un valore altissimo sotto il profilo tecnologico, professionale ed economico.

«Le istituzioni locali – dice -, che finora si sono disinteressate totalmente alla vicenda, dovrebbero iniziare un ragionamento con i giapponesi di Hitachi per mantenere in seno al nostro territorio tale importantissima realtà industriale. Poiché esistono in Liguria altre situazioni analoghe, penso alla Toshiba che ha base a Genova e proprio nella nostra città ha la sua sede europea, la Regione dovrebbe intraprendere da subito un dialogo con il management giapponese per offrire condizioni di sviluppo e per fare in modo, non solo di non perdere Ansaldo STS, ma di offrire ad Hitachi la possibilità di collocare in questa città il loro punto di riferimento per il continente europeo».

La Della Bianca conclude dicendo che la cordata dei piccoli azionisti, che da qualche mese ha preso corpo proprio a difesa di questo patrimonio  nevralgico, va sostenuta e incentivata nell’interesse generale della Liguria.