Comunicato su messa in sicurezza Pegli 2 e Sessarego

Comunicato su messa in sicurezza Pegli 2 e Sessarego

Mercoledì 3  dicembre 2014

 

Raffaella Della Bianca (Gruppo Misto): «La Regione deve garantire la sicurezza dei cittadini e la possibilità di accedere alle proprie abitazioni non solo a parole».

 

La consigliera Raffaella Della Bianca chiede alla Giunta di intervenire nei confronti dell’amministrazione comunale di Genova e di Bogliasco affinché venga messa in sicurezza la zona di Sessarego a Bogliasco e Pegli 2 nel ponente genovese.

«L’allerta maltempo sembra essere ormai una drammatica realtà – dice Della Bianca. Proprio in questi giorni il rio Sant’Antonino a Staglieno in Valbisagno è uscito dagli argini sommergendo cantine e negozi e nel comprensorio privato di Pegli 2 alle spalle della delegazione, quasi mille persone da giovedì sera sono rimaste isolate per la frana avvenuta in via Salgari tra i civici 69 e 71. Ricordo inoltre che dal 19 gennaio scorso dopo che un grave evento alluvionale colpì il Comune di Bogliasco, nello specifico il tratto di strada tra la località di Sessarego e la frazione di Musanega e provocò il decesso del medico Elias Kassabji che era intervenuto per soccorrere un giovane infartuato, non è stato fatto più nulla per mettere in sicurezza l’intera zona. Non è stata fatta nessuna opera di manutenzione nonostante il sindaco di Bogliasco, Luca Pastorino, rivesta anche l’importante carica di parlamentare del PD».

Raffaella Della Bianca ha presentato due interrogazioni distinte per chiedere alla Giunta di intervenire nei confronti delle amministrazioni comunali delle zone colpite da questi eventi alluvionali.

«La Regione ha il dovere di garantire la sicurezza dei cittadini e per quanto concerne Pegli 2, malgrado il fronte franoso riguardi un privato, il Comune di Genova deve garantire i servizi ai cittadini come l’accesso alle loro abitazioni impegnandosi a svolgere direttamente i lavori di messa in sicurezza e ripristino dei servizi e rivalendosi a lavori fatti sulla proprietà dei terreni coinvolti».