Comunicato su intervento di ripristino teatro della gioventù

Comunicato su intervento di ripristino teatro della gioventù

16 gennaio 2015

 

 «La Giunta brinda al 2015 facendo l’ennesimo regalo (460.447,68 euro) al Teatro della Gioventù, alla faccia di coloro che si trovano ancora fuori casa a seguito dell’alluvione dell’ottobre scorso e dei cittadini liguri tartassati da imposte sempre più salate».

 

Non sembrano finire i regali che il presidente e la sua Giunta con grande generosità continuano ad elargire al Teatro della Gioventù. È appena del mese scorso la denuncia fatta dalla consigliera Della Bianca sull’immobile in questione, al quale era stata concessa da parte dell’Ente regionale la sospensione dei canoni di locazione a partire da ottobre 2014 sino a maggio 2015 per una cifra complessiva di circa 45mila euro. Peccato che il Teatro della Gioventù, o meglio la Hurly Burly srl (la società che ne ha la gestione dal 2011), dovesse canoni arretrati alla Regione Liguria per oltre 105mila euro.

 

« In data 30 dicembre 2014 – spiega Della Bianca -, in occasione della seduta della Giunta di fine anno, è stata approvata la delibera: “Individuazione di I.R.E. Spa quale soggetto attuatore per l’intervento di ripristino del teatro della Gioventù (euro 460.447,98)”. La Regione quindi, tramite tale delibera ha deciso di affidare la progettazione definitiva e quella esecutiva dei lavori di ripristino dei locali dell’immobile regionale alla nuova società I.R.E. Spa, (Agenzia Regionale Infrastrutture Recupero Energia), società nata dalla fusione delle tre ‘in house’ della Regione Liguria (Infrastrutture Liguira, A.R.R.E.D. e  A.R.E.)».

Per l’intervento di ripristino del Teatro della Gioventù sono stati stanziati 460.447,98 euro, quando i danni si aggirano sui 300mila euro.

«Comportandosi in questo modo – sostiene la Della Bianca -, cioè affidando l’intervento di ripristino ad I.R.E., si mortificano le professionalità che l’Ente ha già al suo interno (6 geometri dipendenti, un geometra della Multiservice e un ingegnere interinale). Inoltre, la Regione stanziando denari per il Teatro della Gioventù, fa un vero e proprio affronto nei confronti dei cittadini che si trovano a pagare tasse sempre più salate, il bollo dell’auto e nei confronti delle molte famiglie che si trovano ancora fuori dalle proprie case a seguito dell’alluvione dell’ottobre scorso».

La consigliera ha presentato un’interpellanza per sapere per quale motivo Regione Liguria usi due pesi e due misure e sia così prodiga a fare continui regali al Teatro della Gioventù e perché non utilizzi le professionalità che ha al suo interno (geometri ed ingegneri), ma affidi la progettazione definitiva e quella esecutiva dei lavori di ripristino dei locali dell’immobile regionale alla nuova società I.R.E. Spa, (Agenzia Regionale Infrastrutture Recupero Energia).