Comunicato su declassamento Teatro Stabile di Genova

Comunicato su declassamento Teatro Stabile di Genova

QUESTIONE TEATRO STABILE: UN ALTRO SFREGIO ALLA LIGURIA

La farsa dell’esclusione del Teatro Stabile di Genova da Teatro Nazionale è una tragedia.

 

Genova 25 febbraio 2015 – Raffaella Della Bianca (Gruppo Misto): <<Vado controcorrente, questa esclusione mi amareggia, ma non mi stupisce. La questione che pongo è politica. È possibile che con ben due ministri liguri non si riesca a tutelare la Liguria? >>.

 

Sulla questione del declassamento del Teatro Stabile di Genova la classe politica Ligure non è all’altezza di tutelare la Liguria?

Questa esclusione mi sciocca, mi indigna, mi ferisce, ma non mi stupisce.

Se vogliamo andare a vedere bene non è la prima volta che un “qualcosa” di ligure viene declassato o snobbato a livello nazionale. È di qualche giorno fa la notizia del declassamento dell’aeroporto di Genova da Internazionale a Nazionale, prima ancora era addirittura a valenza Mondiale, secondo le nuove direttive del Ministro Lupi.

Insomma l’aeroporto di Genova equiparato a quello di Treviso, Perugia e Pantelleria (per non fare torto a nessuno cito indiscriminatamente aeroporti al Nord, Centro e Sud), e non me ne vogliano nessuna di queste splendide città, le prendo ad esempio.

Ora posso capire la promozione di tutto quanto è toscano vista la presenza di un nuovo “magnifico” alla ribalta nazionale (si noti come sia l’aeroporto di Firenze che il teatro di Firenze siano in prima fascia), si può passare sopra al fatto che una regione martoriata da un mese di alluvioni non abbia avuto la visita del Presidente del Consiglio, ma non si può tollerare che il Ministro Pinotti ed il Ministro Orlando tacciano sempre.

Si potrebbe discutere a lungo sull’aeroporto di Genova, ma sullo Stabile no.

Non chiedo, quindi, che i Ministri Pinotti e Orlando facciano dei particolari favori alla loro terra di origine, da cittadina e da politica dico che questo modo sarebbe sbagliato, ma chiedo che alzino la voce per far rispettare la Liguria e pongano rimedio a questo affronto alla cultura.

Il Teatro Stabile di Genova ha le carte in regola per essere teatro Nazionale. La sua esclusione è un affronto alla  cultura e al teatro. Che i Ministri e i Parlamentari Liguri pongano rimedio a questo non è favoritismo, ma giustizia.

Il Teatro Stabile ha la storia, la capacità, i titoli e i conti in ordine per essere ammesso a quella lista. Ha un numero di spettatori decisamente alto che segue con passione il teatro e proprio per questo può sempre ospitare spettacoli di primario interesse. Lo Stabile di Genova è quanto di meglio si possa aspettare da un teatro.

Da Genovese, da Ligure non intendo tollerare tutto questo e farò tutto quanto è possibile per riportare Lo Stabile di Genova come Teatro Nazionale.