Comunicato su campo nomadi Bolzaneto

Comunicato su campo nomadi Bolzaneto

Regione – Della Bianca (Gruppo Misto): “Chiedo alla Giunta se la notizia del mancato pagamento delle bollette da parte dei rom del campo di Bolzaneto è vera, e se Regione Liguria ritiene giusto che i nomadi non paghino la luce e l’acqua da otto anni, mentre normali cittadini che per un mese saltano tale pagamento si vedono tagliare in immediato l’erogazione di questi servizi.  Chi ha pagato o pagherà gli arretrati di tutti questi anni per le forniture di luce e acqua del campo di via N. S. della Guardia?”. 

La consigliera Raffaella Della Bianca interviene sulla polemica sollevata da un’intervista rilasciata all’emittente televisiva ‘Primocanale’ da un’anziana Sinti, che ha confessato il fatto che da otto anni, i nomadi del campo di Bolzaneto non pagano le bollette di luce e acqua.

“Invece di preoccuparsi della ricollocazione dei rom di via N.S. della Guardia – dice Della Bianca -, nel momento in cui si apriranno i cantieri per i lavori della Gronda  e di conseguenza il campo di Bolzaneto verrà smantellato, sarebbe opportuno intervenire sul mancato pagamento delle bollette della luce e dell’acqua da parte di rom. Sono sempre più convinta che esistano due pesi e due misure dal momento che, a differenza dei nomadi,  i cittadini che per difficoltà economiche non pagano tali bollette si vedono invece tagliare immediatamente la luce”.

“Ho presentato un’interrogazione a risposta immediata – aggiunge la consigliera -, per sapere dalla Giunta se la notizia del mancato pagamento delle bollette da parte dei rom del campo di Bolzaneto è vera, se Regione Liguria ritiene giusto che i nomadi non paghino la luce e l’acqua da otto anni, mentre normali cittadini che per un mese saltano tale pagamento si vedono tagliare in immediato l’erogazione di questi servizi e infine, chi ha pagato o dovrà pagare gli arretrati di otto anni per le forniture di luce e acqua”.