Risposta all’interrogazione sulle graduatorie per l’assunzione di personale all’Ospedale San Martino di Genova

Risposta all’interrogazione sulle graduatorie per l’assunzione di personale all’Ospedale San Martino di Genova

In riferimento all’interrogazione a risposta scritta di cui all’oggetto, preso atto di quanto nella stessa esposto e acquisiti, in proposito, opportuni elementi anche da parte dell’I.R.C.C.S. A.O.U. San Martino – IST, si rappresenta quanto segue.

 

L’art. 24 del D.Lgs. 27 ottobre 2009, n. 150, rubricato “Progressioni di carriera”, al comma 1, ha disposto espressamente che, ai sensi dell’art. 52, comma 1-bis, del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165, come introdotto dall’art. 62 del citato D. Lgs. n. 150/2009, “le amministrazioni pubbliche, a decorrere dal 1° gennaio 2010, coprono i posti disponibili nella dotazione organica attraverso concorsi pubblici, con riserva non superiore al cinquanta per cento a favore del personale interno, nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia di assunzioni”.

 

L’articolo 31 del medesimo decreto, rubricato “Norme per gli Enti territoriali e il Servizio Sanitario Nazionale”, indicava, al comma 1, la necessità per le Regioni, anche per quanto concerne i propri enti e le amministrazioni del Servizio Sanitario Nazionale, e gli Enti Locali, di adeguare i propri ordinamenti ai principi contenuti, tra l’altro, nell’art. 24, commi 1 e 2; il successivo comma 4 chiariva che, nelle more dell’adeguamento di cui sopra, da attuarsi entro il 31 dicembre 2010, sarebbero state applicate le disposizioni vigenti alla data di entrata in vigore del decreto.

 

In altri termini, in forza della normativa sopra richiamata, la data del 31 dicembre 2010 rappresenta per il Servizio Sanitario Nazionale il termine ultimo per procedere a passaggi di categoria tramite selezioni interne; successivamente, l’unico strumento esperibile rimane il concorso pubblico, con eventuale riserva, a favore del personale interno, non superiore al cinquanta per cento dei posti messi a concorso.

 

L’I.R.C.C.S. A.O.U. San Martino – IST, interpellato in merito, ha ritenuto opportuno evidenziare che i chiarimenti sopraesposti erano già stati forniti dall’Istituto a seguito di analoga interrogazione già presentata dalla Consigliera Della Bianca nell’anno 2012, sebbene all’epoca i chiarimenti richiesti riguardassero la disciplina – nel periodo transitorio – dell’accesso dall’esterno, di cui si lamentava la mancata previsione.

 

Inoltre, l’Istituto ha comunicato di non aver espletato concorsi pubblici (neppure per le selezioni riservate a personale appartenente alle categorie protette), volti ad assumere le figure professionali di cui alle selezioni elencate nell’interrogazione.

 

Per quanto concerne, invece, le doglianze della Consigliera inerenti alle assunzioni di personale appartenente alle categoria protette, l’Istituto ha opportunamente evidenziato che trattasi di specifico adempimento normativo a carattere cogente, tanto che i relativi procedimenti non sono assoggettati a deroga assunzionale da parte dell’Ente Regione, essendo peraltro nota la particolare attenzione che l’Amministrazione regionale – anche in tempi recenti – ha posto a tale dimensione, invitando sia l’Istituto stesso, sia altre Aziende del S.S.R., alla stipula di specifiche convenzioni con la Provincia di Genova in tal senso.

 

Confidando di aver fornito adeguati chiarimenti, è gradita l’occasione per porgere i migliori saluti.